[ Pobierz całość w formacie PDF ]

non ce n ha rivelato altro, acciocch non sia impedito lo
suo buono proponimento; che certo sii che, s ella avesse
tenuta mala via, non avrebbe Iddio dispregiate tante
orazioni di tanti santi frati che non l avesse rivelato. On-
de confrtati; perocch spero in Dio ch ella in buono
stato e che, innanzi che tu muoia, Iddio la ti mostrer. E
udendo queste parole Panuzio ricevette alcuna consola-
zione, e accomiatandosi dall abate e da frati tornossero
a casa e faceva molte grandi limosine e orazioni, accioc-
ch Iddio lo consolasse. E spesse volte quando si sentiva
maninconico, se n andava al predetto monistero a con-
solarsi con quei frati. E un giorno dopo molto tempo,
venendo all abate, gittóglisi a piedi e dissegli: ra, Pa-
dre, per me, ch io non posso pi patire lo dolore di que-
sta mia figliuola; perocch continovamente mi si rinno-
vella e cresce questa mia ferita. E vedendolo l abate cos
afflitto, s gli disse: Or vorresti tu parlare con uno spiri-
tuale frate che sta solitario e venneci essendo donzello
del palagio di Teodosio principe? E diceva l abate di
Eufrosina, la quale si chiamava frate Smeraldo, non co-
noscendo quello ch era, cio che fosse femmina e fosse
figliuola di Panuzio. E rispondendo Panuzio che molto
gli piaceva, fece l abate chiamare frate Agapito e disse-
Letteratura italiana Einaudi 193
Domenico Cavalca - Le vite di S.S. Padri
gli: Mena con teco Panuzio alla cella di frate Ismeraldo.
E subitamente Agapito, non facendone motto altrimenti
a frate Ismeraldo, men con seco Panuzio alla sua cella.
E vedendo Eufrosina lo suo padre Panuzio e conoscen-
dolo, incontanente intener, e avendo compassione alla
sua tribulazione fu tutta piena di lagrime; ma Panuzio
non conoscendola, imperocch la sua faccia era tutta
mutata per li molti digiuni e vigilie e lagrime, per li quali
s avea s sconcio che sputava sangue e avea perduto ogni
bellezza di prima, e anche perocch tenea lo cappuccio
della cocolla chinato molto in sul volto, immaginavasi e
credeva che quello fosse pianto di compunzione. E fatta
l orazione secondo l usanza, Eufrosina temper il pianto
e puosesi a sedere con Panuzio e incominciollo a confor-
tare e dissegli: Credimi che Iddio non dispreger lo tuo
pianto e le tue limosine e orazioni e prieghi che fai e hai
fatti fare per la tua figliuola; e certo sie che, s ella fosse
in perdizione dell anima sua, Iddio te l avrebbe manife-
stato, sicch n a te, n a s non facesse vergogna. Ma
credo in Dio che buona via ha presa seguitando il dire
del Vangelo, ch dice Cristo: Chi ama il padre e la ma-
dre pi che me, non degno di me; e chi non rinnunzia
a ci che possiede, non pu essere mio discepolo.
Confortati dunque e non ti dare tristizia, che pu Iddio,
s egli vorr, mostrartela innanzi che tu muoia: e io per
me volentieri il ne pregher e hogliti molto raccomanda-
to, avendo compassione alla tua tribulazione, lo quale lo
mio maestro Agapito pi volte m ha detto e hammiti
raccomandato divotamente, dicendomi che io pregassi
Iddio per te, come fanno tutti gli altri frati; per la qual
cosa, come io gi ti dissi, avvegnach peccatore e inde-
gno, spesse volte ho pregato Iddio che ti dia pazienza e
adempia lo tuo desiderio e di te e della fanciulla, se dee
essere lo meglio; e per questo t ho voluto volentieri par-
lare, acciocch ti conforti e prendi consolazione in Dio.
E dette queste parole, acciocch per lo molto parlare
Letteratura italiana Einaudi 194
Domenico Cavalca - Le vite di S.S. Padri
non fosse conosciuta Eufrosina, detta frate Ismeraldo,
termin lo suo parlare e accomiat Panuzio; ma, parten-
dosi, gli ebbe grande compassione e intener molto e in-
cominci a lagrimare. E partitosi Panuzio, torn all aba-
te e dissegli: Molto sono confortato e edificato di questo
frate; e veramente ti dico ch io mi parto cos consolato
come se io avessi veduta la mia figliuola Eufrosina. E
raccomandandosi all orazione de frati e dell abate,
torn a casa ringraziando Iddio. E frate Ismeraldo, avve-
gnach non avesse bisogno di stare in cella rinchiuso per
la cagione di prima e perocch avea tosto perduta la bel-
lezza della giovent, pur vi volle rimanere per volont,
dilettandosi della pace della solitudine. Ed essendovi
stata anni trentotto per lo predetto modo inferm a
morte. E venendo un giorno Panuzio, come solea spes-
so, al monistero pregando l abate che li facesse parlare a
frate Ismeraldo, l abate chiam Agapito suo maestro e
comandógli che menasse Panuzio a frate Ismeraldo. Ed
entrando Panuzio nella cella e trovandolo infermo inco-
minci a piangere e dicendo: Oim, oim, or dove sono
le impromesse tue e le dolci parole tue, per le quali mi
solevi consolare e dire ch io vedrei la figliuola mia in-
nanzi ch io morissi? Ecco me misero! non solamente
non veggio lei, ma perdo te, per lo quale solea ricevere
grande consolazione e conforto. Oim, chi mi consoler
in questa mia vecchiezza, posto in tanta amaritudine? a
cui andr? chi mi consoler? trentotto anni sono passati
ch io perdei la mia figliuola, e mai non ho potuto sapere
alcuna cosa e sempre sono stato in isperanza di vederla,
massimamente per gli conforti tuoi. Ecco, perdo te che
mi solevi consolare e lei non veggio; or veggio oggimai
che non la debbo trovare; onde rimango isconsolato
avendo perduto ogni speranza e conforto. E udendo
Eufrosina lo padre cos piangere e lamentarsi dolorosa-
mente, s gli parl e disse: Perch ti uccidi e da ti tanta
tribulazione, disperando di non vedere la tua figliuola?
Letteratura italiana Einaudi 195
Domenico Cavalca - Le vite di S.S. Padri
Or non Iddio per consolarti e confortarti? Poni fine al-
la tua tristizia, e confortati, e spera in Dio che, come io ti
promisi, tu vedrai la tua figliuola innanzi che tu muoia.
Ricordati come Giacobbe patriarca, poich ebbe pianto
lo suo figliuolo Giuseppe per morto, dopo lungo tempo
lo ritrov; onde ti prego che ti conforti e istii meco que- [ Pobierz całość w formacie PDF ]




 

Powered by WordPress dla [Nie kocha się ojca ani matki ani żony ani dzieca, lecz kocha się przyjemne uczucia, które w nas wzbudzają]. Design by Free WordPress Themes.